Home / AtuttoGATTO / Curiosità / IL GATTO E L’ACQUA

IL GATTO E L’ACQUA

La maggior parte dei gatti ha davvero una gran paura dell’acqua e se odia bagnarsi le zampe…figuriamoci immergersi. Alcuni gatti però, amano giocare con l’acqua e quindi la domanda nasce spontanea: perché non tutti i nostri amici amano bagnarsi?

I gatti sono delle creature molto agili e una delle cose che li stressa di più, è la sensazione di essere intrappolati. Diventano molto ansiosi se pensano di non poter scappare da una situazione che trovano spaventosa. Se il loro pelo si inzuppa, questo potrebbe avere un serio impatto sulla loro mobilità appesantendoli moltissimo e rendendo difficili i movimenti. Quando un gatto ha il pelo molto bagnato, si sente quindi vulnerabile e questo è uno dei motivi per cui non ama molto l’acqua.
I gatti poi sono abitudinari e non amano vedere la loro routine cambiata o interrotta. I gatti selvatici hanno la possibilità di scegliere sempre cosa fare e se bagnarsi o meno in determinate occasioni. I gatti domestici non hanno questo lusso.
I nostri amici felini odiano le sorprese, perciò quando si trovano all’improvviso davanti a una vasca piena d’acqua o anche solo una spugna bagnata, possono reagire in maniera molto drammatica. In breve, anche i gatti più pigri potrebbero diventare vivaci nel disperato tentativo di scappare! È possibile che ci sia un momento in cui non si ha altra scelta che lavare il proprio gatto. Potrebbe succedere perché soffre di una particolare allergia e bisogna usare uno shampoo per il pelo e la pelle, oppure perché si è sporcato molto e inizia a fare cattivo odore perché non può pulirsi bene da solo. E’ preferibile non immergere totalmente il gatto nell’acqua per lavarlo, il modo migliore è usare una spugna delicatamente cercando di pulire piccole sezioni alla volta e asciugandolo molto bene al termine dell’operazione di pulizia. Molti felini sono però affascinati dall’acqua e potrebbero sedersi sui bordi bagnati guardando il rubinetto per un po’, prima di toccare l’acqua con le loro zampe. Alcuni temerari hanno messo la testa sotto un rubinetto per cercare di bere dell’acqua, ma questo non significa che gli piaccia proprio l’acqua. C’è una grande differenza tra il giocare con una o due gocce d’acqua che cadono da un rubinetto ed essere immersi forzatamente nell’acqua.
Ci sono alcune razze feline che amano però fare il bagno nei giorni caldi, ad esempio il Maine Coon, il Bengala, l’Abissino o il Bobtail giapponese e potrete anche vederne qualcuno fare una nuotata o addirittura fare la doccia con i propri padroni! In ogni caso ricordiamoci che, proprio come noi umani, nessun gatto ama bagnarsi quando se la temperatura esterna non è calda.