Ormai da diverse migliaia di anni l’uomo e il cane sono diventati inseparabili. E’ ben noto che se tutto questo è possibile è solo grazie a quel processo di Domesticazione che, partendo da una specie selvatica come quella del Lupo, ha dato origine a quelli che sono oggi i nostri più fedeli amici a quattro zampe. La selezione messa in atto dall’uomo ha creato le splendide razze che noi tutti conosciamo. Si stimano circa 400 diverse razze riconosciute nel mondo e la F.C.I. (Federazione Cinologica Internazionale) ha classificato ognuna di queste, a seconda delle sue caratteristiche morfologiche e alle sue attitudine in 10 diversi Gruppi. Ad esempio esistono le razze del Gruppo 1, ossia Cani da Pastore e Bovaro e quelle del Gruppo 9, ossia Cani da Compagnia etc etc. Oltre a quelle riconosciute esistono anche delle razze che pur essendo tali ancora non sono state ufficialmente classificate; ovviamente non possiamo dimenticarci dei cosiddetti meticci o incroci, che non hanno nulla da invidiare ai loro più blasonati “cugini”. Se è vero che da un lato esistono allevatori professionali e competenti in grado di selezionare i riproduttori tenendo in considerazione lo standard di razza e anche la salute delle future generazioni, dall’altro ci sono anche quelli meno professionali. Ultimamente, infatti, la ricerca di soggetti ipertipici, ossia con caratteristiche di razza ancora più accentuate, ha generato una deriva nella selezione stessa che potrebbe essere configurata come una sorta di maltrattamento genetico: basti pensare infatti a tutti quei cani che appartengono a razze che per via di una selezione molto discutibile oggi presentano problemi respiratori, ortopedici e dermatologici. Ovviamente la selezione fatta da Madre Natura nei millenni non è paragonabile con la selezione artificiale operata dall’Uomo in pochi decenni e quest’ultima, a volte rischia di compromettere la capacità dell’esemplare appartenente ad una determinata razza piuttosto che a un’altra di vivere una vita priva di complicazioni. Pertanto laddove si desideri scegliere un cucciolo di una determinata tipologia, la serietà dell’allevamento a cui ci si rivolge unitamente al parere pre-adozione da parte del medico veterinario, permetterà di fare una scelta più corretta e consapevole.

Diego Rendini