Home / Le storie / Storie di vita vera / “SE RINASCO, VORREI ESSERE UN ANIMALE …”

“SE RINASCO, VORREI ESSERE UN ANIMALE …”


Chissà quanti di voi di questi tempi avranno detto tra il serio e il semi-serio: ”Se rinasco vorrei essere un animale, così non avrei più problemi di tasse, inps, equitalia…”.
Lo sguardo si sofferma sul vostro cane che, tranquillamente sta riposando sulla poltrona preferita sognando di correre muovendo le zampine, ed a voi mamma e papà umani sale una infinita tenerezza.
Non tutti i cani però sono così fortunati.

Pensate a quelli abbandonati sull’autostrada, a quelli picchiati selvaggiamente o seviziati da balordi, ed a quelli rinchiusi in canili lager, con la sola colpa di esistere.

Ai randagi alla pioggia o al gelo e con l’unica compagna che non li abbandona mai: LA FAME.

A quelli legati a “catena corta” perché devono “ fare la guardia” ma non troppo, perché altrimenti,
infastidiscono con il loro abbaiare.

A quelli allenati per il combattimento e le scommesse clandestine ,destinati a diventare carnefici o vittime.

Che dire poi di quei cagnolini sui quali vengono effettuati esperimenti in laboratorio e che non hanno mai visto la luce del sole.

I cuccioli provenienti dall’est europeo, fatti nascere con il solo scopo di soddisfare, a basso costo, le voglie di chi vuole solo un peluche vivente. Strappati troppo presto dalla loro mamma, fatti viaggiare a lungo in spazi angusti in mezzo ai loro escrementi, senza ne acqua ne cibo.

No, terminerete, forse è meglio rinascere coccinella perché con la vecchia storia che porta fortuna, nessuno le farà mai del male!

Marco G.