Home / AtuttoGATTO / CHE COSA AVERE IN CASA QUANDO C’E’ UN GATTO

CHE COSA AVERE IN CASA QUANDO C’E’ UN GATTO

Forse hai appena adottato un micio, o forse ce l’hai già da tempo, in entrambi i casi la tua casa deve essere attrezzata per il suo benessere!
Il gatto è un animale che conserva ancora molto del suo istinto selvatico, si adatta alla convivenza con noi umani, ma necessita di accessori e suppellettili casalinghe che sopperiscano, almeno in parte, alla mancanza del mondo esterno.Ancor di più se il gatto vive solo in casa, senza mai uscire.
Il gatto manifesta il suo disagio quando ormai non ne può più, e lo stress può manifestarsi anche attraverso disagi fisici, come cistiti e urinazioni inappropriate.

Spesso si pensa che sia sufficiente adottare un secondo gatto, per tenere compagnia a quello che abbiamo già, ma anche questo non è sempre vero.
I gatti amano dominare il loro territorio ed avere spazi e zone personali dove non venire disturbati.

Marcano il loro territorio, attraverso i feromoni, che depositano strusciandosi sulle superfici, e attraverso la graffiatura, e proprio questo ultimo gesto è quello che spesso provoca qualche problema con i nostri mobili.

Quindi una delle attrezzature di cui dobbiamo dotarci se abbiamo un gatto, è sicuramente un tiragraffi, un attrezzo che è utile sia per permettere al gatto di marcare il suo territorio con la graffiatura, sia per tenerlo in esercizio, se ci dotiamo di un tiragraffi alto e dotato di piattaforme.

Un tiragraffi di buona fattura è utile, se posizionato nelle zone strategiche dove il gatto tende a marcare il territorio graffiando, per evitare che vengano utilizzati a tale scopo divani e poltrone.

Un altro strumento necessario per chi tiene un gatto in casa è la lettiera. Specialmente se il gatto non esce, la lettiera è il luogo deputato ai bisognini del gatto. La scelta tra lettiere aperte o chiuse va sicuramente fatta fare al gatto, in base alle sue preferenze.

Anche la scelta della sabbietta per la lettiera va fatta fare al micio, secondo le sue preferenze, perché molti casi in cui il gatto fa i bisogni in giro per casa si risolvono magari semplicemente cambiando il substrato.
Alcuni gatti preferiscono una sabbia fine ed agglomerante, altri preferiscono un substrato più grossolano e che non si attacchi ai polpastrelli delle zampe.

Ricordiamoci la “regola delle lettiere”, ossia, se abbiamo più gatti in casa, il numero di lettiere deve sempre essere di una per gatto più una, per dare la possibilità ai gatti di scegliere il loro luogo preferito.

Senza dubbio necessaria sarà anche la ciotola per il cibo e per l’acqua.
Non necessariamente vanno collocate vicine, anzi, ricordando che i gatti in natura bevono sempre lontano dalle prede, meglio che l’acqua sia lontano dal cibo. Io ho fatto la prova, dopo anni in cui avevo la ciotola dell’acqua vicino a quella del cibo, ho provato ad aggiungere anche una ciotola in una zona lontana dal cibo. I miei gatti da allora bevono solamente da quella, provare per credere!

Le ciotole per cibo ed acqua devono essere di un materiale non assorbente e facilmente pulibile, come l’acciaio o la porcellana, in modo da non assorbire odori e non diventare ricettacolo di batteri.

Per quanto riguarda le cucce, spesso acquistiamo giacigli costosi e sofisticati, quando invece i gatti preferiscono una sedia o addirittura una mensola per dormire. Quello che sarebbe bene predisporre in casa sono delle zone in alto, dove i gatti possano riposare indisturbati e guardare il mondo dall’alto.

Per il gatto il mondo si sviluppa anche nella sua verticalità, e lui apprezza molto arrampicarsi ed esplorare mensole e pareti verticali.
Possiamo mantenere libere alcune mensole per lui, oppure attrezzare una parete in modo che il gatto possa arrampicarsi e trovare un giaciglio in alto.
Questo lo renderà sicuramente molto felice e sarà un deterrente per lo stress che si può accumulare con la convivenza con più gatti.

Il gatto gioca con tutto, specie se piccolo, per cui per intrattenerlo possono essere necessarie semplici palline di stagnola o di carta. Sono molto apprezzate dai gatti anche quelle canne a cui è appeso un filo con un topolino finto o delle piume, da far muovere per farlo giocare.

Ricordati sempre di non far giocare il gatto con le tue mani, perché se da piccolo è abbastanza innocuo, poi quando crescerà continuerà ad attaccare mani e piedi delle persone, e può essere molto doloroso.
Quindi una cannetta per il gioco potrà essere utile per giocare con lui tenendo a debita distanza mani e piedi.

Questa è l’attrezzatura di base per un micio felice, in mille varianti e con mille possibilità.
Sicuramente il tuo gatto ti ringrazierà con tante fusa per il suo giaciglio tranquillo, la sua possibilità di farsi le unghie e i bisognini in luogo appartato e sicuro.

Elisa Bertoldi
miciogatto.it