Home / AtuttoCANE / Curiosità / COME INTERPRETARE LO SCODINZOLIO DEL CANE?

COME INTERPRETARE LO SCODINZOLIO DEL CANE?

Quando un cane scodinzola vuol dire che è felice“. Un pensiero molto diffuso, ma che a quanto pare è da ritenersi troppo riduttivo e superficiale.
Sì, perché è stato dimostrato come il movimento della coda rappresenta per il cane una forma di comunicazione molto più complessa, e che può essere il mezzo per l’espressione di diversi sentimenti.
A dirlo, una ricerca tutta made in Italy, condotta spalla a spalla dall’Università di Trieste insieme all’Università di Bari con l’obiettivo dichiarato di comprendere il linguaggio dello scodinzolio del cane.Per provare a rispondere al quesito, sono stati presi 30 cani per partecipare a un test. Questo test prevedeva che ai cani selezionati venissero mostrati, in sequenza: il proprietario, uno sconosciuto, un gatto e un cane di taglia grande, mentre una telecamera riprendeva ogni minimo movimento della coda.

Alla fine del test sono stati poi esaminate le video-registrazioni e resi noti i risultati: effettivamente, la coda veniva mossa in maniera diversa a seconda del soggetto che di volta in volta i cani si trovavano di fronte.
Nello specifico, quando si trovavano davanti il proprietario o uno sconosciuto la coda si muoveva verso destra, ma di fronte al proprietario il movimento era decisamente più veloce; trovandosi invece di fronte ad un gatto o ad un altro cane ma di taglia più grande, il movimento era verso sinistra.

Da qui si è così arrivati alla conclusione che lo scodinzolio sarebbe strettamente legato all’attività dei due emisferi del cervello!
Se quindi vedete scodinzolare il vostro cane verso destra, allora state tranquilli perché sta manifestando serenità e contentezza….ma se il movimento della coda dovesse andare verso sinistra, allora potrebbe esserci qualcosa che non va, perché significa che sta avvertendo una situazione di potenziale pericolo che lo rende inquieto.

La coda del cane quindi si presta a differenti interpretazioni e significati, a dimostrazione di quanto sia unica la ricchezza comunicativa dei nostri amici a quattro zampe.