Home / AtuttoCANE / Cura e benessere / ASSICURARE UNA VECCHIAIA SERENA AI NOSTRI CANI

ASSICURARE UNA VECCHIAIA SERENA AI NOSTRI CANI

Per quanto vorremmo che non succedesse mai, anche i nostri amati amici a quattro zampe sono destinati ad invecchiare. Un processo inevitabile, e l’unica cosa che possiamo fare è cercare di rendere la loro vecchiaia più serena possibile.

Proprio come succede per noi esseri umani, anche per i cani i segni dell’invecchiamento si manifestano sotto forma di più o meno grandi cambiamenti a livello fisico, mentale e di abitudini, e  fattori come stazza, peso, conformazione fisica possono determinare la velocità con cui si invecchia.

Partendo dal presupposto che in genere raggiunti i 7 anni di età gli organi e il cervello iniziano a cambiare, i cambiamenti più evidenti solitamente possono essere osservati soprattutto nell’alimentazione e nelle funzioni cognitive.

Nel primo caso, bisogna considerare che il cane anziano tende ad ingrassare, per una serie di ragioni che vanno a collegarsi una con l’altra: si muove di meno, dorme di più, ha un maggiore appetito e mangia più lentamente.
Diventa quindi ancora più importante curare la sua alimentazione, somministrando pasti adatti a cani anziani, integrandola se necessario con vitamine, glucosamina (per migliorare l’efficienza delle cellule cerebrali) e acidi grassi, facendo particolare attenzione al consumo d’acqua: se eccessivo, potrebbe essere sintomo di infezioni urinarie, diabete insipido o altre malattie, e si renderebbe quindi necessaria una corsa immediata dal proprio vet.

Nel secondo caso può andare incontro ad una degenerazione delle strutture nervose, i cui sintomi possono essere individuati in confusione e scarsa attenzione, reazioni alterate, mancanza di sonno, ansia, problemi di memoria e apprendimento, appetito alterato, le cui cause possono essere problemi di aggressività, socialità alterata e distimia.
Si tratta di problemi a cui, attualmente, non esiste ancora rimedio definitivo, tuttavia si possono tentare di arginare in modi alternativi, ad esempio con terapie naturali (come i fiori di Bach) o la naturopatia, o semplicemente cercando di mantenerlo in movimento (ovviamente a ritmi più blandi di quando era un giovanotto).

Con la vecchiaia i nostri cani sono poi sempre più inclini all’artrite, e l’esercizio fisico rimane il metodo più efficace per contrastarla: non rinunciate mai alle passeggiate con lui, almeno due volte al giorno per mezz’ora ciascuna…e se necessario aggiungete qualche uscita in più, visto che con l’età diventa anche più frequente lo stimolo di fare i bisogni.

Inoltre, purtroppo, sono anche più vulnerabili allo sviluppo di tumori maligni…per tenere sotto controllo la situazione il consiglio è di spazzolarlo con costanza, in modo da accorgersi di eventuali anomalie ed escrescenze della pelle e poter così prendere il problema per tempo.

Infine, al di là dei consigli più “tecnici“, il miglior consiglio a livello umano rimane quello di non perdere mai la pazienza e l’amore per lui.
In fondo vi ha accompagnato per gran parte della vostra vita, rimanendo sempre al vostro fianco, e accudirlo al meglio per assicurargli una vecchiaia felice è decisamente il minimo che voi possiate fare per ringraziarlo della sua amicizia.