Home / Le storie / Storie di vita vera / MADDEN E MOON, UN’AMICIZIA CONTRO IL BULLISMO

MADDEN E MOON, UN’AMICIZIA CONTRO IL BULLISMO

Il problema del bullismo è purtroppo molto diffuso, e sono tristemente all’ordine del giorno episodi deplorevoli soprattutto nelle scuole.

Ma la storia che arriva dagli USA quantomeno riesce a strappare un sorriso e regala un po’ di speranza.

Il protagonista umano di questa storia è Madden, un bambino di 7 anni originario dell’Oklahoma, che a causa del suo labbro leporino e dei suoi occhi di colore diverso (un difetto genetico meglio noto come eterocromia dell’iride) è stato a lungo vittima dei bulli della sua scuola che si divertivano a prenderlo in giro per il suo aspetto.

La sua mamma, Christina, navigando sui social un giorno è stata attratta dalla foto di un gattino (anzi, una gattina, la protagonista a quattro zampe di questa storia), che proprio come Madden aveva il labbro leporino e gli occhi di due colori differenti. Una coincidenza troppo bella per non credere che i due fossero destinati ad incontrarsi e diventare amici.

E così è stato.

Come ha detto Christina, “Moon, come la abbiamo chiamata, è una perfetta compagna per Madden. In un mondo di bulli e odio, loro due si vogliono bene e Moon sarà l’amica del cuore di mio figlio nel suo lungo viaggio per diventare grande“.
E infatti i due si sono piaciuti dal primo momento, entrando in una sintonia che ha davvero qualcosa di magico.
Anche se trovarsi non è stato facile, per colpa della distanza: Moon infatti viveva in Minnesota, ed è stato solo grazie all’impegno e al cuore di numerosi volontari se l’adozione è andata a buon fine e i due sono riusciti ad incontrarsi.

Da quando è arrivata Moon la vita di Madden è cambiata molto, assolutamente in positivo. Ad esempio ha iniziato a sentirsi meno solo, ha riscoperto la fiducia in se stesso, e ha trovato il coraggio di affrontare le sue paure raccontando la sua esperienza in un video di sensibilizzazione contro il bullismo nelle scuole.

Tutto grazie al sostegno della sua nuova amica, per far capire a lui e a tutti noi che nascere “diversi” è un dono, e non un problema.