Home / Penne senza inchiostro / I PASSERI STANNO SCOMPARENDO: QUALI SONO LE CAUSE?

I PASSERI STANNO SCOMPARENDO: QUALI SONO LE CAUSE?

Nell’immaginario collettivo, quando si pensa ad un uccellino quasi sempre il pensiero va al passero, essendo una delle specie di volatili più diffusa e comune soprattutto sul nostro territorio.

Basti pensare che solo in Italia si contano ben quattro diverse specie, appartenenti alla “famiglia” Passer:

  1. Il passero domestico (il più comune, diffuso non solo qui da noi ma in tutta Europa)
  2. Il passero d’Italia (che come intuibile dal nome è diffuso quasi esclusivamente sul nostro territorio)
  3. La passera sarda (anche qui, come si dice, nomen omen, essendo tipica della Sardegna)
  4. La passera mattugia (facilmente riconoscibile rispetto agli altri per vie di due macchiette caratteristiche sulle guance, oltre ad essere l’unica delle quattro specie a preferire la campagna per nidificare rispetto alla città)

Negli ultimi 40 anni però, il numero di esemplari di queste diverse specie sta calando vertiginosamente, senza eccezioni, rendendo di fatto il passero una specie minacciata e a rischio.

Ma quali sono le cause?
Purtroppo, ancora oggi non si è fatta abbastanza chiarezza in merito. Questo perché, probabilmente, in situazioni simili le cause possono essere davvero tante e differenziarsi ad esempio in base al luogo o al clima in cui i passeri si trovano a vivere.

Tra le varie motivazioni dietro alla rapida diminuzione della specie possiamo annoverare:

  • Aumento dei gatti domestici, che come noto sono dei veri e propri incubi come predatori per gli uccellini
  • Competizione con altre specie, uno fra tutti lo Storno, per ricavarsi gli spazi e i buchi migliori per nidificare
  • Inquinamento dell’aria, con le micro particelle tossiche che possono diventare letali per il loro sistema respiratorio
  • Mancanza di insetti, essenziali per la nutrizione dei pulcini, dovuta all’aumento dell’uso di pesticidi e simili
  • Mancanza di semi dati dagli uomini, un’abitudine sottovalutata per ciò che può significare per il sostentamento della specie, che con il tempo si sta perdendo sempre più e sta ormai scomparendo definitivamente