Home / AtuttoGATTO / Curiosità / I GATTI PREFERISCONO LE DONNE: PERCHÉ?

I GATTI PREFERISCONO LE DONNE: PERCHÉ?

I gatti, a prescindere dal loro sesso, con le donne riescono a creare un’empatia molto più forte di quella che potrebbe mai crearsi con un umano maschio.

A dirlo è uno studio dell’Università di Vienna, coordinato dalla dottoressa Manuela Wedl e pubblicato sulla rivista Behavioural Processes.

La ricerca ha voluto indagare le preferenze dei felini riguardo l’interazione con i propri padroni, in base al sesso di questi ultimi.
Per farlo, hanno osservato e filmato un campione di 41 gatti e le relative interazioni con i rispettivi padroni, per un periodo di alcuni mesi. Oltre all’interazione umana, i felini sono stati inoltre sottoposti ad altri 3 differenti stimoli, ovvero cibo, odori e gioco.
I ricercatori hanno quindi preso appunti sul comportamento di entrambi i soggetti, felini e umani, valutando in base a specifici parametri l’influenza della personalità degli uni su quella degli altri.

I risultati hanno evidenziato una maggiore predisposizione dei gatti a legare con gli umani di sesso femminile, dedicando loro coccole, fusa e attenzioni in misura ben maggiore (tre volte in più in media) di quanto non ne dedichino agli amici umani di sesso maschile. A sottolinearlo è stata la stessa coordinatrice della ricerca, la dottoressa Wedl, che in un’intervista al sito di Discovery Channel ha confermato che “i gatti approcciano le padrone più frequentemente e cercano il contatto molto più frequentemente, saltando loro addosso ad esempio, molto più di quanto non facciano con i padroni maschi. Di sicuro il rapporto è più stretto tra le donne e il gatto, qualunque sia il sesso dell’animale“.

Ma quali possono essere i motivi di questa preferenza?

A riguardo sono state avanzate alcune ragioni interessanti:
Il motivo principale sembra essere collegato direttamente all’istinto materno insito nel DNA femminile: tra i due infatti, come affermato sempre dalla Wedl, si viene a creare un tipo di interazione che “è molto simile a quella c’è tra un neonato e la mamma“. La capacità femminile di manifestare in generale maggiore attenzione e affetto per un cucciolo potrebbero quindi ricordare al gatto l’amore della propria vera mamma e spingerlo così a legarsi di più con la sua padrona.

Un altro motivo potrebbe essere anche il tono di voce, in genere più acuto rispetto agli uomini, ma proprio per questo più simile ad un miagolio e quindi percepito come più piacevole dai gatti.

Senza sottovalutare la diversa sensibilità del tocco femminile durante le coccole, con le loro mani più morbide e più leggere che sembrano rilassare maggiormente i nostri mici.

Infine, ultimo ma non per importanza, un’altra motivazione guarda in direzione delle modalità di interazione con l’animale: da ulteriori ricerche infatti è stato osservato come le femmine tendano ad approcciarsi con loro spesso accucciandosi, interagendo quindi “allo stesso livello“, un comportamento molto apprezzato dai felini, al contrario dei maschi che invece tendono ad approcciarsi “dall’alto” e chinandosi su di essi, finendo in alcuni casi con l’intimorirli.

Ma sapendo quanto i gatti sanno essere astuti, specie per ottenere sempre quello che vogliono, dal cibo alle coccole, un piccolo dubbio sorge spontaneo…
La preferenza per le donne è esclusivamente legata ad una “naturale” maggiore empatia, o è cinicamente perché la donna è più facilmente manipolabile per raggiungere i propri scopi?

Magari una, magari l’altra o magari entrambe le cose….e conoscendo la loro natura enigmatica, forse non lo si scoprirà mai.