Home / Acqua&Terra / ELEFANTI MARINI IN MISSIONE SPECIALE PER MONITORARE I GHIACCI ANTARTICI

ELEFANTI MARINI IN MISSIONE SPECIALE PER MONITORARE I GHIACCI ANTARTICI

Monitorare i cambiamenti climatici nelle zone antartiche è fondamentale per il bene dell’ecosistema, per via della sua delicatezza e importanza. Ma al tempo stesso può risultare non sempre facile.
In particolare tenere sotto controllo lo stato di salute dei ghiacciai della zona può rivelare diverse insidie, soprattutto sotto la superficie e in determinate zone con condizioni climatiche decisamente estreme per l’uomo.E quindi come fare?

L’intuizione l’hanno avuta una gruppo di ricercatori dell’University of East Anglia, che nel 2014 hanno dato vita a un progetto di monitoraggio in Antartide affidandosi ad una squadra speciale: 14 elefanti marini.
Sì, avete capito bene: questi esemplari infatti sono perfettamente in grado di immergersi riuscendo a trattenere il fiato per 30 minuti, riuscendo ad inabissarsi a profondità irraggiungibili per l’uomo e a muoversi agilmente tra i ghiacci.
Così i ricercatori hanno installato sulla fronte degli animali dei sensori, in modo da monitore le loro perlustrazioni (in particolare nel mare di Weddell).
A distanza di tre anni, dopo aver raccolto dati relativi a ben 11mila immersioni, lo studio è stato pubblicato sulla rivista Geophyscal Research Letters.

Come affermato dai ricercatori, gli elefanti marini hanno mostrato loro un mondo che neanche potevano immaginare, e si augurano che il loro preziosissimo contributo possa risultare determinante per riuscire a prevedere l’erosione dei ghiacciai (a causa delle acque oceaniche più calde) e poter agire di conseguenza.