Home / AtuttoGATTO / Cura e benessere / IL MISTERIOSO VIRUS DEI GATTI SIMILE ALL’EPATITE B SCOPERTO QUASI PER CASO

IL MISTERIOSO VIRUS DEI GATTI SIMILE ALL’EPATITE B SCOPERTO QUASI PER CASO

Un virus misterioso, che colpisce i gatti e provoca nei felini una malattia molto simile alla “nostra” Epatite B.

La scoperta è da attribuirsi ad un gruppo di ricercatori dell’Università di Sydney, coordinati dalla dottoressa Julia Beatty.
E pensare che il tutto si può dire che sia avvenuto per caso, dato che inizialmente il team di ricerca stava cercando di identificare i virus che intervengono nello sviluppo del cancro nei gatti immunocompromessi, salvo invece imbattersi in questo virus sconosciuto, denominato provvisoriamente hepadnavirus.

I ricercatori dopo averne mappato completamente il genoma hanno quindi testato alcuni campioni di sangue di diversi gatti che presentavano problemi al sistema immunitario: i risultati hanno evidenziato come negli esemplari affetti da FIV (che corrisponde all’HIV felina), con un sistema immunitario di conseguenza più debole, l’infezione si è manifestata nel 10% dei casi, mentre nei gatti non affetti da FIV solo nel 3,2%.

Pur essendo molto simile all’Epatite B umana, questo nuovo virus non presenta rischi per le persone, nè per altri animali da compagnia. Ma, come affermato dalla dottoressa Beatty, virus simili a quello scoperto possono essere presenti in altre specie, ed essere la causa di epatite e cancro al fegato.

Una scoperta che è di grande portata per la scienza, per diversi motivi:

  • Perché può aiutare a capire come l’epatite si sia evoluta nell’essere umano così da formulare nuove cure
  • Perché può aiutare a mantenere in salute i gatti, trovando nuovi trattamenti per la loro cura
  • Perché l’industria veterinaria globale potrà sfruttarla per sviluppare nuovi farmaci e vaccini

Come fa notare sempre la dottoressa Beatty, infatti, “più saranno le specie che potremo conoscere come portatrici di questo virus, più potremo imparare su come questo tipo di virus interagisce con l’organismo ospitante. A parte la rilevanza per la salute dei felini, questa scoperta ci aiuta a comprendere come i virus dell’epatite, che possono essere letali, si evolvono nelle diverse specie animali“.