Home / AtuttoCANE / Cura e benessere / TEMPORALI E CUCCIOLI: LA PREVENZIONE DELLE FOBIE

TEMPORALI E CUCCIOLI: LA PREVENZIONE DELLE FOBIE

Questo sembra essere un argomento decisamente attuale.
Sono le 23,54 e ve ne è uno in corso proprio ora; si sta lentamente ma inesorabilmente avvicinando e Wiki, il mio cane, anche se non spaventata, è comunque a disagio.
Tempo addietro invece non faceva neppure una piega; cosa può essere accaduto?I cuccioli normalmente non hanno paura dei temporali ma molti cani adulti, al contrario, possono soffrire di veri e propri stati fobici. Quindi la domanda dovrebbe sorgere spontanea è: perché un cane che prima era tranquillo ora mostra paura o peggio ancora terrore?I motivi possono essere molti e di conseguenza anche gli accorgimenti che possono essere adottati affinché si evitino, almeno in parte, situazioni spiacevoli.
1) Se avete adottato un cucciolo da poco, evitate di farlo stare a contatto con cani adulti che hanno paura.
Per molti di loro un cane più grande assume il ruolo di riferimento, quindi nella loro testolina ancora tutta da formare si “insinua il dubbio”: ma se il mio fratellone (o sorellona) maggiore ha paura di questa cosa allora può essere veramente pericolosa!
La paura appresa è stata ampiamente studiata nei primati, qui non sto a dilungarmi in tal merito, ma è un dato tangibile.2) Fate molta attenzione a porte e finestre!
Posso comprendere che in questo periodo il caldo sia insopportabile e che chiudersi in casa stile bunker non sia il massimo ma preoccupatevi di fissare bene porte e finestre (esistono degli ottimi fermaporte). A volte il tenero cucciolo sta dormendo placidamente (o giocando) e di botto sbatte una porta vicino a lui. Basta anche un’unica volta: l’animale fa delle associazioni più veloci e radicate rispetto alle nostre e la paura si è già consolidata. Questo può avvenire anche nel cane adulto che non ha mai manifestato problemi in precedenza (ed è quello che è successo a wiki).

3) I petardi sono un altro dei motivi: a capodanno si fanno spesso scoppiare miccette e fuochi d’artifici. Spesso ragazzi, ma anche meno giovani, convinti di apparire intelligenti o divertenti fanno questo scherzetto al proprio o al cane di qualcun altro.
Precisando che il divertimento è solo loro, e in quanto ad intelligenza … se si misurasse così … lasciamo perdere inutili commenti. Anche in questo caso la paura dei rumori può, successivamente essere estesa ai tuoni.

Diciamo che questi sono i principali motivi.
Però esistono anche dei “sistemi” per prevenire o evitare che la situazione che si è già instaurata peggiori:
1) Se il cane già da segni di paura non consolatelo; ricordate che l’animale non ragiona come noi. Se iniziate ad accarezzarlo e a parlargli dolcemente lui inizierà a pensare: “se mi consolano c’è davvero di che aver paura”.
Permettetegli di starvi accanto ma cercate di essere il più naturali possibili o meglio ancora dimostrate allegria.
Il ragionamento che spesso viene fatto è: “se il mio proprietario si comporta in modo normale allora forse non c’è nulla da temere”.

2) Altra cosa da fare molto importante quando ancora non ci sono associazioni negative è di farlo giocare quando c’è un temporale in corso, l’evento sarà appreso come naturale.
Dovete ricordare che, nonostante i primi mesi li abbia passati in serenità, per di più in un periodo particolarmente ricco di eventi meteo come questo, l’anno prossimo, anche se diventato adulto potrebbe comunque sviluppare delle fobie e una volta instaurate i metodi o gli accorgimenti per migliorarle sono spesso fallimentari.
Inoltre la comunicazione ansiosa o poco chiara da parte dei proprietari rende gli animali a loro volta ansiosi e più sensibili agli eventi negativi per cui anche un BUON percorso di educazione (non intendo i quattro comandi di base ma un serio percorso professionale) può rendere l’animale più tranquillo e stabile da un punto di vista caratteriale.

Ps: se ritieni che questo articolo sia utile aiutaci a condividerlo!!!

Nadia Raise

Medico veterinario comportamentalista, master in medicina degli animali di affezione

Dallapartedeglianimali