Home / Le storie / Storie di vita vera / LA STORIA DI SNOOPY (PARTE 4)

LA STORIA DI SNOOPY (PARTE 4)

Il 17 Febbraio 2017 (insieme alla delegazione di “Animalisti Italiani Onlus”) ,sono stata ancora una volta ricevuta dall’Assessore Morini che ha la tutela degli animali e a lui ho esposto il progetto di dedicare a Snoopy una statua da deporre in un parco pubblico di Livorno, proprio come il cane Angelo di San Gineto, ucciso la scorsa estate da quattro giovani in modo crudele e filmato nella sua agonia, esposta con orgoglio nel web!
La proposta di erigere una statua, è stata accolta con grande entusiasmo e da subito ho iniziato a programmare la raccolta fondi, affinchè ognuno con una piccola donazione, si sentisse vicino a Snoopy e tutte le altre creature uccise barbaramente dall’uomo!
Nell’arco di pochi mesi, sono riuscita a raggiungere la somma necessaria per la sua realizzazione e grazie alla sinergia creatasi con l’amministrazione comunale, ne è stata approvata nel mese di ottobre, in Giunta, la sua collocazione presso il parco pubblico “Villa Fabbricottidi Livorno, frequentato da famiglie, bambini e ragazzi.
La statua di Snoopy incarnerà nel tempo, il messaggio educativo e culturale che stenta a radicarsi nei cuori delle persone: rispettare ed amare gli animali, riconoscendone la loro dignità di essere senziente e il loro diritto alla vita.

Il 10 Marzo 2017, è uscita un’importanza notizia: Il Comune di Livorno si Costituirà parte civile nel procedimento penale a carico dell’assassino di Snoopy. L’Assessore Morini che ha la tutela degli animali, ha dichiarato: «Come assessore al benessere gli animali mi ero preso questo impegno fino dai primi giorni del mio mandato – commenta Andrea MoriniRitengo che questo sia un atto dovuto per l’amministrazione comunale, ente individuato dalla normativa vigente come responsabile della protezione degli animali presenti sul territorio».

Sempre nel mese di Marzo 2017, sul nuovo numero trimestrale della rivista “Amici di Paco”della Sig.ra Diana Lanciotti, fondatrice del “Fondo Amici di Paco”, è stata pubblicata la storia di Snoopy. La scrittrice e fotografa, che da anni è impegnata ad aiutare attraverso il Fondo canili e gattili di tutta Italia, è stata molto colpita dalla vicenda di Snoopy e ha voluto dedicargli un articolo, dopo aver ricevuto la mia lunga lettera.

Il 30 Aprile 2017 , insieme ad “Apodi Onlus Livorno”che si occupa di ippoterapia e pet therapy, ho organizzato la”Festa di Primavera in ricordo di Snoopy“, con due gare amatoriali i cui protagonisti sono stati proprio i nostri amici a quattro zampe! E’ stata una giornata bellissima, dedicata all’amore e al rispetto degli animali..e alla raccolta per la realizzazione della statua di Snoopy.

Il 9 Maggio 2017, si è aperto finalmente il processo per la morte di Snoopy. Si sono costituiti Parte Civile ben sei Associazioni Animaliste e il Comune di Livorno (questo è stato un segnale forte da parte della mia amministrazione, nei confronti dei crimini commessi sugli animali!).

L’ 11 di Luglio 2017, durante la seconda udienza, il difensore dell’assassino di Snoopy ha anticipato che avrebbe chiesto la “messa in prova” per il suo assistito! Questa possibilità di convertire ed estinguere il reato (sospendendo il processo) con un periodo di “messa in prova” presso un’associazione di volontariato che si occupa di animali, era inaccettabile e avrebbe significato “uccidere una seconda volta ” Snoopy!
Per questo ho promosso e creato già dal mese di maggio, una petizione on line da presentare al Giudice come voce del popolo, sulla piattaforma web: “Firmiamo.it“, per dire No alla messa alla prova, per i crimini commessi sugli animali.
La petizione ha raccolto più di mille firme on-line provenienti da tutta Italia, ma il suo valore è
rimasto esclusivamente morale.

Continua…