Home / AtuttoCANE / Curiosità / I CANI (A DIFFERENZA DEI LUPI) PORTANO RANCORE DOPO UN CONFLITTO: PERCHÉ?

I CANI (A DIFFERENZA DEI LUPI) PORTANO RANCORE DOPO UN CONFLITTO: PERCHÉ?

Quando ci si trova in un branco l’unione fa la forza, perché un branco disunito è decisamente più vulnerabile ad attacchi esterni.
Per questa ragione essere in grado di seppellire l’ascia di guerra dopo un conflitto il più velocemente possibile è essenziale per la sopravvivenza, e i lupi sanno farlo egregiamente…a differenza dei cani.Sì, perché il migliore amico dell’uomo, nei confronti dei suoi simili, è molto più rancoroso.

A rivelarlo un (doppio) studio del Messerli Research Institute dell’Università di Vienna, successivamente pubblicato su Royal Society Open Science.
I ricercatori hanno preso in esame 4 branchi di lupi selvatici (catturati e tenuti in cattività durante lo studio) e 4 branchi di cani (prelevati da alcuni rifugi), tutti accomunati dal fatto di essere estranei l’uno con l’altro, osservando le reazioni successive ad un conflitto…e i risultati riscontrati presentano interessanti ma sostanziali differenze.

Tra i lupi i conflitti nascevano con molta più frequenza, ma al tempo stesso si risolvevano con altrettanta velocità: indicativamente bastavano 10 minuti per vederli appianare tutte le divergenze e finire addirittura a giocare insieme, con lo “sconfitto” che era generalmente il primo a fare un passo verso la pace.

Tutto all’opposto nei gruppi di cani, dove i conflitti esplodevano sì con una frequenza decisamente minore, ma una volta finiti la tendenza dei contendenti era di evitarsi piuttosto che provare a riappacificarsi.

E quindi sorge spontanea la più classica delle domande…perché?

Il motivo, o meglio l’ipotesi, avanzata dai ricercatori è che i cani dopo millenni di addomesticamento abbiano perso la capacità di fare pace con i propri simili rapidamente,  il senso di appartenenza al branco e le relative dinamiche di collaborazione fini alla sopravvivenza, entrando in un ottica diversa in cui preferiscono riuscire ad adattarsi al meglio ad un ambiente domestico, interagendo con il proprio padrone e sviluppando una certa indipendenza.

Al contrario dei lupi che rimangono a tutti gli effetti animali selvatici, e per i quali una rapida risoluzione dei conflitti è una condizione essenziale per sopravvivere in natura.