Home / Le storie / Storie di vita vera / GATTO, TELE E DIVANO

GATTO, TELE E DIVANO

Divano. Che meraviglia. Finita cena, lei sta lavando i piatti. Se faccio attenzione sento tutte le cellule che mi stanno dicendo “Wow…che figata!”.
Ho il mio cuscino personale perché…ehm…Mrs House non sopporta che io sbavi su cuscini a random.
Lei è una ragazza copertina sdraiata sul divano, ma devo dire che la copertina piace anche a me, visto che alle 23 si spengono i termosifoni. Adesso il solito amletico dubbio: spalle o piedi? Come si suol dire…la copertina è corta.

Uhmm…che meraviglia! Credo di essere l’interessante evoluzione dell’ Homo erectus: Homo sdraiatus.
E’ questa la più confacente posizione per l’ essere umano. E chi ha inventato il divano non ha neanche avuto il Nobel, che ingiustizia.
Rivista. C’era un articolo che mi interessava, ma non mi ricordo più di cosa parlasse. Mrs House mi rimprovera che leggo sempre “robe di gatti”, allora per non farmi beccare le nascondo dentro un playboy. Una volta era il contrario.

Sembra tutto perfetto…ma no…mi sento osservato.
Fidipu, lo sapevo. Sulla spalliera. Odio quando qualcuno legge dietro le mie spalle. Lui è un gatto del freddo, pieno di pelo. Difatti sta sempre sdraiato vicino al calorifero. Lui è un animale atletico, difatti per fare i 40 cm di dislivello tra spalliera e divano usa la mia spalla, pancia e mano come scalini. Lui è un gatto educato, difatti con 2,10 mt di divano…con misteriosa precisione, riesce a mettermi il culo in faccia. E gira, gira, gira…sta cercando di farsi una posizione. Gatto ambizioso. Al sesto giro sbotto: “Allora ! Troviamo sta posa o no ?”.
Più per farmi contento che per convinzione, si accomoda. Sulla rivista. Ecco…avevo trovato la posizione perfetta, come i surfisti che dopo lunghe attese e ricerche trovano l’onda perfetta. Tutto da rifare.
Io, gatto e rivista…troppa roba in pochi cm.
Non riesco a leggere…Fipidu pesa un botto ed io sono intrappolato sotto…sta cavolo di copertina.
Sbuffo, scalcio, evado con sforzo dalla coperta, almeno con un braccio. Già ero stanco, non a caso sul divano, adesso sono esausto. Volevo leggere e riposare. Fidipu mi guarda.

-Ciao Doc, giornataccia eh ? Visto che hai una mano libera…mi fai due grattini ?
-Ti prendo, ti scuoio e mi faccio un cappello alla David Crockett.
-Anche io ti voglio bene. Ecco…si si…proprio lì…sotto l’ orecchio.

Detesto quando il mio cervello dice una cosa e la mano ne fa un’ altra.

-Oggi ho avuto una giornata pesante, sono stato in giardino un’ora, un freddo bisso e manco un amico, solo la gatta, quella bianco e nera, ma ha 20 anni. Mi ha pure soffiato.
– Poverino, riposati, fai pure. Io ho solo fatto 10 ore di ambulatorio e sono pure andato in clinica.

Non raccoglie. Che a plomb felino. Sembra un british.

-Che stavi leggendo ? Ti sei ricordato i crocchi all’agnello o devo aspettare Pasqua?
-Ahah…non fa ridere. E’ da poco passato capodanno…finisci quelli al salmone. O vuoi quelli al panettone, caro il mio maina coon ?
-Ah…perché questa farebbe ridere vero ? Meno male che sei un bravo vet…come comico moriresti di fame.

Vuoi il caffè ? Ecco, bravo, già che ci sei, controlla Fidipu, ho trovato delle cacche fuori dalla cassetta e dalle dimensioni mi sembrano sue.
Lo guardo. Mi guarda.
-Hai solo delle prove indiziarie, niente che regga in tribunale. Come per il soprammobile di Murano.
-Sei stato tu vero? Maine cacoon.
-Ma tu hai mai provato a farla nella sabbietta gelata ed umida sul balcone ? Che ti si appiccica tutta alle zampe ? No eh ?

Grazie del caffè. Adesso esco da questo tragico viluppo di copertina e gatto e lo prendo. Ah…metti una lettiera in casa, magari la risolviamo.
Ha finito di lavare i piatti, e si dirige al suo divano, seguita dai due gatti adoranti. Si accomoda in modo elegante, distende le gambe eleganti, con una mano afferra la sua copertina e la scuote elegantemente in aria. La copertina fluttua elegantemente e si adagia dolcemente su di lei, perfettamente ed elegantemente distesa. Con una mano sola! Manco al circo! Ed i gatti adoranti e fuseggianti si accoccolano senza disturbarla. Sembra di guardare il cartoon di Cenerentola.

Mi guardo, imbozzolato sembro una larva di alien.

-Tu mica di sbagliarti a fare le fusa vero ?
-Ho la tonsillite, conosci un bravo veterinario ?
-Vabbè…niente rivista, vediamo almeno di dormire.
-Guardala ! Ha preso il telecomando. Scommetti che mette su quel veterinario australiano giovane, biondo figo e palestrato che cura le vaginiti ai coccodrilli ?
-Tiè…gatto infame. Anche stasera master chef. Mi chiedo cosa minchia lo guardi a fare se poi mi cucina sempre spaghetti al pesto comprato.
-Credo sia come mangiare sempre crocchi al salmone.

Non sopporto più Fidipu, la tele, gli spaghetti al pesto, sta cazzo di copertina.
Dormo, voglio dormire, mi impegno a dormire.

-Posso metterti il sedere in faccia ?
-No
-Mi stai diludendo.

 

Alex Giordana